Iscriviti alla newsletter
Seguici su Twitter
Privacy and cookies
 
Martedì 13 Novembre 2018

Ultim’ora

Report Itinerari Previdenziali: fondazioni bancarie e casse di assistenza sanitaria integrativa

di la redazione
06/09/2016

Il Report di Itinerari Previdenziali dal titolo “Investitori istituzionali italiani: iscritti, risorse e gestori dei patrimoni previdenziali per l’anno 2015” ha analizzato le prime 22 Fondazioni bancarie, sulle 88 operanti in Italia, che per patrimonio netto contabile rappresentano circa l’80% del totale complessivo gestito di tali enti.

Nel 2015 il patrimonio netto contabile delle 88 Fondazioni bancarie che ammonta a 40,7 miliardi di euro mentre il totale degli attivi di bilancio ammonta a 48,55 miliardi. Occorre tuttavia considerare il rilevante importo delle erogazioni che sommate al patrimonio farebbero superare i 70 miliardi, effettuate tra l’altro, in un periodo in cui le banche conferitarie hanno drasticamente ridotto le quotazioni e, quando non azzerati, anche i dividendi imponendo alle Fondazioni stesse uno sforzo di sostegno al sistema.

Nonostante le difficoltà dei mercati finanziari che si sono riverberate pesantemente soprattutto sulle banche, il rendimento medio del patrimonio nel 2015 è stato del 3,4% (contro il 5,5% del 2014).

Il 34% del patrimonio delle Fondazioni analizzate è investito direttamente nella banca conferitaria. Il recente Protocollo sottoscritto tra le Fondazioni bancarie e il MEF porterà, nel triennio, ad una riduzione del patrimonio investito nella propria conferitaria in misura non superiore al 33% del totale delle risorse investite.

Gli investimenti diretti considerati nel report ammontano a 18,12 miliardi (esclusi gli investimenti in CDP, conferitaria e Fondazione con il Sud che sono stati considerati a parte come istituzionali): si tratta principalmente di investimenti in OICR, con un’attenzione particolare negli ultimi anni agli OICR alternativi che ammontano a 2,9 miliardi di euro (Multi-asset, Multistrategy, Private Equity, Venture Capital, Commodities, etc.), e partecipazioni in società di infrastrutture, sviluppo locale, del settore dell’energia e delle utilities di distribuzione a conferma del grande impegno delle Fondazioni a sostegno dell’economia reale.

A fine 2015 il numero delle Casse di assistenza sanitaria integrativa operative nel Paese, secondo le nostre stime, supera le 300 unità (erano 300 nel 2014 e 290 nel 2013). Nel 2014 (ultimo anno per cui sono disponibili i dati dell’Anagrafe del Ministero della Salute) il numero degli iscritti è pari a oltre 5,7 milioni di unità, mentre il numero degli assistiti, che include anche il numero dei familiari, sfiora i 7,5 milioni con un incremento del 8,3%. Per l’anno 2015 si stima un totale degli assistiti pari a circa 8 milioni.

Le prestazioni erogate nel 2014 sono state pari a 2,16 miliardi di euro e nel 2015 potrebbero superare i 2,3 miliardi. Il patrimonio in continua crescita, costituito dalle riserve tecniche e da altri accantonamenti prudenziali, ammonta a circa 3,45 miliardi di euro ed è investito prevalentemente in polizze, mandati di gestione e strumenti di breve periodo (rispettivamente 19,3%, 37,6% e 11,7% del patrimonio totale delle Casse e dei Fondi sanitari analizzati).

Tra i gestori dei patrimoni previdenziali quello con la maggiore quota di mercato (9,09%) è Generali, mantenendo rispetto allo scorso anno la posizione di primato nella classifica, seguito da State Street che guadagna il secondo posto con oltre 5 miliardi di euro di risorse in gestione e quasi il 6% di quota di mercato.

Salgono al terzo e quarto posto Pioneer e Allianz che riducono il numero di mandati ma incrementano il patrimonio in gestione. Al quinto sesto posto troviamo Eurizon con il 5,8% di quota di mercato, seguita da Quaestio Capital che grazie all’elevato mandato di gestione ottenuto dalla Fondazione Cariplo si mantiene ai vertici della classifica.



ARTICOLI CORRELATI

Latest News Headlines
Benvenuti sul sito Italia Assicurazioni
La giornalista Alessia Argentieri vi presenta il nuovo sito Italia Assicurazioni
I più letti...