Iscriviti alla newsletter
Seguici su Twitter
Privacy and cookies
 
Giovedì 21 Settembre 2017

Ultim’ora

Ivass, rivoluzione digitale e assicurazioni

di la redazione
06/04/2017

La diffusione del paradigma digitale, l'internet delle cose, i big data, l'intelligenza artificiale sono un’opportunità straordinaria per tutti, integrano e gestiscono i dati, automatizzano i processi, stimolano la progettazione di nuovi prodotti, ma nello stesso tempo espongono individui e imprese a nuove minacce, ancora difficili da comprendere pienamente. E’ quanto ha dichiarato il presidente dell’Ivass Salvatore Rossi intervenendo al convegno ANSPC “Le assicurazioni per lo sviluppo del Paese”.

Guardando più nello specifico al mondo assicurativo, - ha continuato il presidente dell'Ivass - l’innovazione tecnologica cambia i processi interni delle compagnie, ad esempio se esse utilizzano big data o distributed ledgers o smart contracts; modifica i sistemi di distribuzione dei prodotti assicurativi, ed esempio con l'uso di robo-advisors; produce nuovi bisogni assicurativi e consente di creare nuovi prodotti, polizze che coprono cyber-risks, o polizze peer-topeer.

Tuttavia, come sottolinea Rossi, le nuove tecnologie espongono a rischi operativi, legali, reputazionali, di esposizione al cyber crime. Ne segnalo alcuni: aumenta la vulnerabilità, quindi l'esigenza di protezione, degli archivi e dei dati, come anche la nuova regolamentazione europea riconosce (General Data Protection Regulation, in vigore dal 2018); la qualità dei dati e la sicurezza dei sistemi IT che li processano presentano nuove e formidabili sfide; aumentano i furti di identità e le frodi informatiche; si fa più sensibile la necessità di trasparenza precontrattuale in un mondo "senza carta"; si accresce il ruolo sul mercato assicurativo di soggetti diversi dalle tradizionali compagnie, ad esempio imprese di matrice tecnologica.

L'Ivass ha istituito un gruppo di lavoro per dialogare con le compagnie e con gli esperti su questi diversi temi. Stiamo valutando insieme le conseguenze di questi nuovi fenomeni sui compiti dell'Istituto: la regolamentazione, la supervisione "di stabilità", la tutela dei clienti. Stiamo 6 anche considerando quali nostre azioni possano ostacolare e quali possano invece promuovere l’innovazione tecnologica.



ARTICOLI CORRELATI

Latest News Headlines
Benvenuti sul sito Italia Assicurazioni
La giornalista Alessia Argentieri vi presenta il nuovo sito Italia Assicurazioni
I più letti...