Iscriviti alla newsletter
Seguici su Twitter
Privacy and cookies
 
Mercoledì 21 Novembre 2018

Ultim’ora

L'importanza della tecnologia nell'asset management: intervista ai fondatori di Allocator

di Alessia Argentieri
01/09/2016

Quant’è importante la tecnologia per i fondi d’investimento oggi? Per alcuni asset manager l’evoluzione tecnologica è fonte di preoccupazione, mentre per altri la tecnologia deve essere considerata un’arma preziosa a vantaggio dei gestori di portafogli. Abbiamo chiesto l’opinione degli esperti, intervistando David Tawil e Ryan Kalish, co-fondatori di Allocator, una compagnia di recente formazione che si occupa di raccolta e analisi di dati per i professionisti dell’investimento.

Quant’è rilevante il ruolo della tecnologia nell’asset mangement e nell’allocation?
La tecnologia gioca un ruolo che sta diventando sempre più importante nell’aiutare gli investitori a capire come gestire i loro portafogli e analizzare il flusso d’informazioni che hanno a disposizione sulle opportunità d’investimento tra cui scegliere. Questo non vuol dire che la tecnologia rimpiazzerà coloro che prendono le decisioni sugli investimenti, ma che sarà un aiuto prezioso per avere una visione più chiara e disporre di opinioni valide in modo più rapido e meno complicato che in passato.
Inoltre, la tecnologia è un alleato indispensabile quando si tratta di conformarsi a regole e norme che stanno diventando sempre di più un peso per gli investment manager. Molte delle tecnologie che abbiamo elaborato sono per l’appunto finalizzate ad aiutare le compagnie a ottemperare alle regole, riducendo i problemi tecnici che si trovano a dover fronteggiare.

In che modo la vostra compagnia riesce a utilizzare gli strumenti della tecnologia per fornire soluzioni all’avanguardia ai vostri clienti?
Sin dall’inizio, ci siamo sempre focalizzati sull’utilizzo della tecnologia per rendere la vita dei nostri investitori più semplice e aggiungere valore al loro processo d’investimento, attraverso un team formato da esperti di tecnologia e professionisti dotati di grande esperienza come fund allocator.
La nostra mission è quindi quella di ottimizzare, snellire e velocizzare le attività quotidiane e abituali che gli investitori sono soliti svolgere manualmente, garantendo una rapidità e un’efficienza che non sarebbero possibili altrimenti.
Molti degli stessi investitori per cui lavoriamo, inoltre, sono estremamente coinvolti nel processo e ci aiutano a migliorare continuamente i nostri standard e il livello della piattaforma.

Di recente avete cambiato il vostro nome da ‘HedgePo’ ad ‘Allocator’. Cosa significa questa scelta in termini di filosofia aziendale e impostazione gestionale della vostra compagnia?
Nel nome Allocator è condensata l'essenza di quello che facciamo, dato che la nostra compagnia è stata creata da investitori per risolvere i problemi che altri investitori si trovavano a dover affrontare. Quando abbiamo iniziato, eravamo focalizzati sui fondi hedge, ma oggi i nostri clienti investono in un’ampia varietà di asset class. Il nuovo nome ‘Allocator’ esprime quindi l’ampiezza della nostra visione e sottolinea il fatto che siamo focalizzati sul fornire i migliori servizi possibili agli investitori che si affidano alla nostra piattaforma.



ARTICOLI CORRELATI

Latest News Headlines
Benvenuti sul sito Italia Assicurazioni
La giornalista Alessia Argentieri vi presenta il nuovo sito Italia Assicurazioni
I più letti...