Iscriviti alla newsletter
Seguici su Twitter
Privacy and cookies
 
Martedì 20 Novembre 2018

Ultim’ora

I fondi sanitari non puntano su comunicazione e trasparenza

di Carlo Giuro
23/09/2016

La comunicazione è estremamente importante per gli strumenti di welfare e in particolare per i fondi sanitari, ma al momento manca una disciplina specifica in materia di trasparenza e comunicazione che indichi quali siano le informazioni minime che devono essere trasmesse agli iscritti e ai potenziali aderenti.

Molto interessante a tal proposito è un'indagine condotta dalla Mefop e pubblicata sul proprio Blog che, esaminando 19 fondi sanitari (Casse, Mutue, Fondi contrattuali, Fondi aperti), ne analizza la comunicazione analizzando i rispettivi siti web e prendendo in esame aspetti sia tecnici (navigabilità, user experience, brand identity) che contenutistici (aggiornamento dei contenuti, trasparenza).

Gli aspetti negativi che emergono dall’analisi sono proprio quelli legati alla trasparenza, infatti, solamente in un caso è presente il bilancio del fondo sanitario. Negativa è anche la promozione del fondo tramite il sito.

Oltre il 66 per cento dei fondi analizzati, prosegue l’analisi, non presenta sul proprio sito web una sezione dedicata all’adesione e ai vantaggi che ne derivano. Pochissimi sono i video utilizzati ai fini promozionali (in molti casi i video presenti sono rivolti agli iscritti per facilitare l’accesso alle prestazioni, fungono solo da tutorial).

Invece, per quel che attiene la brand identity, il risultato che emerge è sostanzialmente positivo. In tutti i casi è infatti ben presente il logo dell’ente e la sua mission. I siti web analizzati presentano una buona navigabilità: home page snelle e chiare, titoli di pagina di sezione sempre presenti rendono facile la navigazione all’interno del sito stesso.

Tra le criticità legate a tale profilo vengono poste in evidenza invece la presenza solo nel 62 per cento dei casi di un motore di ricerca interno al sito che possa aiutare l’utente nel trovare l’informazione, e la presenza del Breadcrumb solamente nel 44 per cento dei casi.

Giudizio positivo viene espresso anche sulla facilità di comprensione delle operazioni che è possibile fare (iscrizione, richiesta rimborso, prenotazione visita) e su come è possibile effettuarle.



ARTICOLI CORRELATI

Latest News Headlines
Benvenuti sul sito Italia Assicurazioni
La giornalista Alessia Argentieri vi presenta il nuovo sito Italia Assicurazioni
I più letti...