Iscriviti alla newsletter
Seguici su Twitter
Privacy and cookies
 
Mercoledì 28 Giugno 2017

Ultim’ora

Generali chiude il 2016 con risultati migliori ultimi 9 anni

di la redazione
17/03/2017

Il Gruppo Generali ha chiuso l’esercizio 2016 con un risultato operativo che registra la miglior performance di sempre, grazie all’andamento di entrambi i segmenti Vita e Danni sostenuti dal forte sviluppo delle performance tecniche e ad una maggiore disciplina nei costi Opex, mentre l’utile netto e il dividendo sono i migliori degli ultimi 9 anni.

Nonostante uno scenario macroeconomico difficile e un contesto di bassi tassi d’interesse, le azioni intraprese dal Gruppo hanno determinato un’ottima redditività operativa che si mantiene a livelli superiori al target, una redditività tecnica in costante miglioramento, una continua attenzione alla gestione dei costi - per la prima volta in calo di circa € 70 mln, che permetterà di anticipare al 2018 il target di € 200mln2 di risparmi al 2019 -, una produzione sempre più profittevole e una solidità patrimoniale ulteriormente confermata.

Il risultato operativo di Gruppo raggiunge i € 4.830 milioni (€ 4.785 mln FY15), in crescita dello 0,9% grazie al forte incremento del segmento vita (+5,5%), che beneficia di una buona performance tecnica pur nell’attuale contesto dei mercati finanziari, e alla crescita anche del danni (+2,9%) per effetto del continuo miglioramento del CoR. Il RoE operativo, principale target di redditività, si attesta al 13,5% (14% FY15), confermando per il terzo anno consecutivo il raggiungimento dell’obiettivo strategico (>13%).

Grazie al miglioramento delle performance operative, l’utile netto aumenta a € 2.081 milioni (+2,5%; € 2.030 mln FY15). Questo incremento dell’utile è stato raggiunto nonostante i programmati minori profitti di realizzo, frutto di una gestione in linea con la strategia di preservare la futura redditività, e testimonia la qualità del risultato del periodo.

Sul versante della produzione, i premi complessivi ammontano a € 70.513 milioni (-3,9%; € 74.165 mln FY15). Cresce il danni (+2,1%), a conferma del trend già osservato nel corso dell’anno, mentre il Vita si attesta a € 49.730 milioni (-6,3%; € 53.297 mln FY15) per effetto sia dell’approccio sempre più disciplinato nell’offerta, volto all'ottimizzazione del ritorno del capitale investito, sia dell’attuale andamento dei mercati finanziari. L’approccio disciplinato è confermato dall’ottima qualità della raccolta netta che supera € 12 miliardi (-18,5%), al di sopra della media degli ultimi 5 anni e la più elevata tra i peers. La nuova produzione in termini di APE si attesta a € 4.847 milioni (-6,6%).

Nel segmento Danni i premi aumentano, a termini omogenei, del 2,1% a € 20.783 milioni (€ 20.868 mln FY15), grazie alla crescita registrata sia nel comparto Auto (+4,3%) che nel Non Auto (+0,5%). Il business danni conferma l’elevata redditività tecnica con un combined ratio in ulteriore e costante miglioramento che, grazie al calo della sinistralità, si attesta a 92,5% (-0,7 p.p.), il miglior ratio tra i peers.

A questi risultati si accompagna una posizione patrimoniale rafforzata, sulla quale il Gruppo continua ad avere un forte focus. Il patrimonio netto segna una crescita del 4,2% a € 24,5 mld, beneficiando principalmente dell’utile del periodo che più che compensa l’erogazione del dividendo.

Il Regulatory Solvency Ratio - che rappresenta la visione regolamentare del capitale di Gruppo e considera l’utilizzo del modello interno alle compagnie per le quali è stata ottenuta l’approvazione dall’IVASS e per le restanti compagnie l’applicazione della Standard Formula, includendo nel calcolo anche il dividendo proposto - si attesta a 177% (171% FY 15; +6 p.p.). Il ratio 2016 beneficia dell’approvazione all’utilizzo del modello interno per il calcolo del Solvency Capital Requirement del portafoglio assicurativo Vita della Francia, che nel 2015 era calcolato utilizzando la Standard Formula.

Il dividendo per azione che sarà proposto alla prossima Assemblea degli Azionisti è di € 0,80 in aumento di € 0,08 centesimi per azione (+11,1%) rispetto all’anno precedente (€ 0,72 FY15). Il payout ratio si attesta al 60% dal 55,3% del 2015.



ARTICOLI CORRELATI

Latest News Headlines
Benvenuti sul sito Italia Assicurazioni
La giornalista Alessia Argentieri vi presenta il nuovo sito Italia Assicurazioni
I più letti...