Iscriviti alla newsletter
Seguici su Twitter
Privacy and cookies
 
Martedì 20 Novembre 2018

Ultim’ora

Coface political risk index: aumentano i rischi nei Paesi europei

di Alessia Argentieri
01/11/2016

Secondo l’indicatore del rischio politico europeo elaborato da Coface, azienda specializzata nell’assicurazione di crediti, il panorama dell’Europa occidentale è peggiorato notevolmente negli ultimi dieci anni, soprattutto per quanto riguarda il clima di quei Paesi, come l’Italia, in cui la crisi economica ha comportato un notevole acuirsi dell’incertezza a livello politico e sociale.

Infatti, la crescita economica e il rischio politico sono strettamente interconnessi, dal momento che un'atmosfera d'incertezza politica può incidere sulla volatilità dei mercati, portando a conseguenze serie sul piano finanziario, e sul clima di fiducia di famiglie e imprese, che influenza le decisioni di consumo e investimento.

L’indicatore di Coface, realizzato sulla base di un modello creato per i mercati emergenti in seguito agli eventi della “primavera Araba”, utilizza criteri di diverso tipo: alcuni economici (l’incremento del tasso di disoccupazione, le disuguaglianze di reddito e il saldo primario strutturale di bilancio) e altri politici e sociali (l’euroscetticismo, il sentimento anti-immigrazione, la frammentazione dello scenario politico e la corruzione).

Analizzando i dati relativi all’ultimo decennio, il political risk index di Coface ha registrato un aumento del rischio politico di 13 punti, con un picco nel 2013 durante la crisi del debito sovrano. L’Italia ha riportato uno dei punteggi più elevati (60%), seconda solo alla Grecia (64%), a causa della crisi dell’immigrazione, dell’austerity finanziaria e dell’euroscetticismo.

La Francia ha totalizzato invece un punteggio più basso (38%), in aumento però di 17 punti dal 2007, e la Germania è al 35%: si tratta di valori che, sebbene inferiori a molti altri, riflettono comunque le preoccupazioni economiche e sociali presenti in tutti i Paesi d'Europa.

Il modello di Coface ha messo inoltre in evidenza come il rischio politico sia aumentato in maniera considerevole in seguito al referendum sulla Brexit dello scorso giugno. Per quanto riguarda il futuro, da dicembre 2016 il calendario politico europeo sarà pieno di eventi decisivi, tra cui il referendum in Italia e le elezioni in Francia e in Germania.

Grande rilevanza avranno inoltre -secondo gli esperti di Coface- le elezioni presidenziali negli Usa, dato che, paradossalmente, se Donald Trump vincesse, lo shock economico potrebbe essere percepito maggiormente nell’Unione Europea, che rischierebbe di perdere circa 2 punti di crescita in un anno, che negli Stati Uniti, che potrebbero perderne solo 1,5.



ARTICOLI CORRELATI

Latest News Headlines
Benvenuti sul sito Italia Assicurazioni
La giornalista Alessia Argentieri vi presenta il nuovo sito Italia Assicurazioni
I più letti...