Iscriviti alla newsletter
Seguici su Twitter
Privacy and cookies
 
Martedì 13 Novembre 2018

Ultim’ora

Ania: rami danni in calo nel I semestre 2016

di la redazione
21/09/2016

L’Ania ha pubblicato sul proprio sito le statistiche relative ai premi trimestrali danni, da cui emerge come alla fine del I semestre 2016 i premi totali (imprese italiane e rappresentanze) del portafoglio diretto italiano sono stati pari a 18,1 miliardi di euro e hanno registrato una contrazione dell’1,5% rispetto al I semestre del 2015.

A questa contrazione ha contribuito il prolungarsi della diminuzione dei premi del settore auto (-4,3%), solo in parte controbilanciato dalla crescita dei premi degli altri rami danni (+1,3%). Nel dettaglio, i premi del ramo R.C. Autoveicoli terrestri sono stati pari a 7,3 miliardi di euro, in calo del 6,2% rispetto al I semestre del 2015, mentre i premi del ramo Corpi veicoli terrestri sono stati pari a 1,5 miliardi di euro, in crescita del 6,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Gli altri rami danni, pur confermando il trend positivo degli ultimi trimestri, hanno registrato a fine giugno una lieve flessione nella crescita (+1,3%), contabilizzando premi per oltre 9,3 miliardi di euro. Considerando nello specifico l’andamento del secondo trimestre, risulta che nel ramo R.C. Auto sono stati contabilizzati 3.789 milioni (3.559 milioni nel trimestre precedente); questo risultato, al netto dell’effetto della stagionalità del ramo, posiziona il secondo trimestre dell’anno corrente al valore più basso degli ultimi quattro anni.

Nel ramo Corpi veicoli terrestri si è registrato invece un incremento della raccolta (749 milioni) rispetto a quanto contabilizzato nello stesso trimestre dei tre anni precedenti (697 milioni nel secondo trimestre del 2013, 670 in quello del 2014 e 710 nello stesso periodo del 2015). Negli altri rami danni sono stati contabilizzati 4.696 milioni, in aumento rispetto al trimestre precedente ma in lieve calo (-0,7%) rispetto al secondo trimestre del 2015.

Nel complesso del settore danni si sono contabilizzati nel II trimestre premi per 9.234 milioni, il valore più basso tra quelli rilevati nel secondo trimestre di ciascun anno osservato. Relativamente alle rappresentanze di imprese U.E. (45 imprese che rappresentano circa il 95% in termini di premi su un totale di 75 imprese attualmente autorizzate), alla fine di giugno 2016, sono stati contabilizzati 2.132 milioni di premi, in diminuzione del 2,3% rispetto a quanto rilevato nello stesso periodo del 2015 (era +3,7% la variazione alla fine del I trimestre del 2016).

Con riferimento ai canali di distribuzione il principale in termini di market share è risultato essere il canale agenziale (77,9%), in calo di 1,6 punti percentuali rispetto a quanto rilevato alla fine del II trimestre del 2015 (79,5%). I broker rappresentano il secondo canale di distribuzione dei premi danni con una quota pari all’8,1%.



ARTICOLI CORRELATI

Latest News Headlines
Benvenuti sul sito Italia Assicurazioni
La giornalista Alessia Argentieri vi presenta il nuovo sito Italia Assicurazioni
I più letti...